Testimonianze

APRIL – EX PORNOSTAR

April ex pornostar, ha lasciato il set dopo 20 film

Ragazzo o ragazza che hai guardato il mio corpo,

Voglio che tu sappia che non ho alcuna ostilità nei tuoi confronti. Perché forse hai visto il porno senza volerlo la prima volta. Forse perché per te è stato troppo difficile fermarti. Ma in ogni caso, grazie se vorrai continuare a leggere.

Sono stata una “porno star” per soli sei mesi, in oltre 20 film. Ci sono stata, l’ho fatto, e voglio dirti che credi tante falsità riguardo al mondo del porno. Falsità che, se avessi conosciuto prima, forse ti avrebbero reso più restio a guardarmi.

In questa lettera voglio metterti in guardia da tante bugie a cui ho creduto pure io.

Credi che le ragazze godano mentre fanno i video. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. In tutta la mia esperienza devo ancora incontrare una sola ragazza che abbia goduto sul set. Non è un’esperienza piacevole. Fa veramente tanto male. Siamo esposte ad ogni tipo di abuso, sia dai pornografi che dalle persone sul set. E per sopportare tutto questo ci intorpidiamo con le droghe e con l’alcol, ripetendoci in continuazione che sarà tutto finito in un paio d’ore, e sconnettiamo tutto nella nostra mente in quel momento. Il set, il nostro corpo, la nostra mente. Soprattutto il mondo esterno.

La maggior parte delle ragazze che si trovano nell’industria del porno fanno uno o due video e poi ne escono. Se fosse vero che ci godono così tanto, allora perché un così alto tasso di abbandono? Luke Ford ha detto, in un’intervista a 60 Minutes, che la maggior parte delle ragazze che entra in questo settore fanno un solo video e poi ne escono. L’esperienza è così dolorosa, terribile, umiliante che la maggior parte di loro non sopporta l’idea di ripeterla.

Credi poi alla bugia che le ragazze amino fare sesso in quel modo. È una bugia che io stessa ti ho detto, facendo la faccia falsa, in ogni intervista. Non facevo altro che parlarti del mio feroce appetito sessuale, e di come non ne avessi mai abbastanza.

La triste verità, però, è che in realtà ho odiato il sesso del porno. È una cosa che ho fatto solo per essere pagata. E che mi ha fatto odiare il sesso anche nella vita.

Credi inoltre che la maggior parte delle ragazze sia volontariamente nell’industria del porno. Mi spiace deluderti, neppure questo è vero. La maggior parte delle ragazze che vedi deriva da ambienti poveri, e sono state schiavizzate e umiliate fino a essere rese docili. Ma anche la maggior parte delle ragazze che ci sono entrate volontariamente sono state minacciate e manipolate dai pornografi. È accaduto a me, e l’ho visto accadere ad altre ragazze. Viene detto loro che faranno una cosa, ma quando arrivano sul set vengono intimate a fare cose diverse, e se rifiutano perdono la paga. Molte vengono minacciate, e sono talmente succubi dei loro aguzzini che non sanno dir loro di no. Spesso in quel momento della loro vita lo vedono come la loro unica fonte di sopravvivenza, e si sentono in trappola.

Già, i soldi. Pensi che non ci sia niente di male, perché veniamo pagate. Lasciati dire una cosa: non lasciarti abbindolare da un gruppo di “stelle” che guadagnano milioni. Quelle si contano sulla punta delle dita. La verità è che quando le ragazze lasciano il porno si trovano con un pugno di mosche in mano. Ci sono diverse ragioni per questo. Una è la droga. I farmaci sono tutto nel settore porno. È raro trovarvi una persona che ne sia immune, e molte sono tossicodipendenti.

Si usano le droghe per sopportare l’umiliazione e il sesso hardcore, e molte le usano per inorpidire se stesse, e gli uomini per essere più violenti. I soldi che si usano nel porno si spendono per comprare le droghe… per fare di nuovo porno.

Un’altra causa sono le spese per i vestiti, il trucco, e i trattamenti estetici. Tutto ciò di cui si ha poi bisogno per apparire bene. Così nemmeno i soldi ti rimangono, si rimane con nulla… emozionalmente, spiritualmente e finanziariamente.

Credi poi che non ci siano rischi per la salute. Anche questo è assolutamente sbagliato. Le persone sono testate per l’HIV, ma non per tutte le malattie a trasmissione sessuale, e molte ragazze hanno finito per contrarre il cancro cervicale e l’HPV. Le ragazze che entrano nel settore porno non sono messe a conoscenza di questi rischi da parte dei pornografi. Ci sono stati dei periodi in cui il Dipartimento di Salute LA County ha arrestato la produzione del porno a causa di diversi casi di HIV. L’industria del porno era a conoscenza di questi casi, ma non li aveva riferiti, perché non voleva fermare la produzione. A questo punto siamo considerate come carne da macello.

Spero che vorrai riflettere su queste cose. E sappi del mio amore per te, e delle mie preghiere per tutti voi.

April

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Salva

Salva

No comments
APRIL – EX PORNOSTAR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.